Caso Marrazzo, Gasparri: "Su di me vociare squallido"

1' di lettura

Il presidente del gruppo Pdl al Senato in un'intervista a Il Giornale mette a tacere le voci di un suo presunto coinvolgimento in una retata antitrans nel '96: "Il primo che scrive una riga fuori posto lo trascino in tribunale"

"Questo vociare e' uno squallore vergognoso. Ma vi giuro che il primo che scrive una riga fuori posto, o che solo lascia intendere qualcos'altro, lo trascino in tribunale". Lo dice il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri a Il Giornale.
Il quotidiano diretto da Vittorio Feltri ricostruisce la versione dell'esponente del Pdl riguardo alle voci di un suo presunto coinvolgimento in una retata antitrans a Roma, nel '96. Secondo la ricostruzione de Il Giornale nella primavera del 1996 l'ormai ex sottosegretario agli Interni venne invitato al Circolo del Polo, nella zona sportiva dell'Acqua Acetosa, che a quei tempi e anche in questi la sera pullulava di donne o uomini in vendita con perizoma e calze a rete. La moglie di Gasparri arrivò all'appuntamento in auto, in compagnia di Italo Bocchino poiche' il marito, attardatosi per questioni di partito, le disse che l'avrebbe raggiunta di li' a poco'.

'Gasparri - riferisce ancora Il Giornale - arrivò però con molto ritardo perche', qualche minuto prima, una pattuglia di carabinieri s'era incuriosita dall'indugiare a singhiozzo di una Fiat Punto fra i viali dell'Acqua Acetosa. Gasparri si qualifico' e spiego' che stava facendo su e giu' lungo quei viali pieni di circoli sportivi perche' non conosceva l'esatta ubicazione del Circolo del Polo e a causa della scarsa illuminazione, non riusciva a trovare l'entrata'.
'Chiarito quello che lo stesso Gasparri definisce un equivoco insignificante - riferisce ancora il quotidiano - Gasparri ha trovato la strada giusta ed e' arrivato a destinazione. Una volta al tavolo Gasparri ha sbandierato ai quattro venti l'episodio - conclude il quotidiano - forse anche per giustificarsi dell'inqualificabile ritardo: 'Aho', ma lo sapete? M'hanno fermato i carabinieri qua vicino. Pensa se passava qualcuno e me vedeva, poteva pensa' che annavo coi trans!'".


Guarda anche:
Caso Marrazzo, spunta un filmato di 13 minuti
Caso Marrazzo, la Procura si interroga sulla possibilità di altri parlamentari
"Troppa sofferenza, basta con la politica". Le dimissioni di Marrazzo

Caso Marrazzo, il trans Brenda: "Mai stata con lui". LE FOTO

Leggi tutto