Carceri, il rapporto Antigone sulle carceri italiane

1' di lettura

L'Osservatorio che si batte per i diritti dei detenuti pubblica un documento che raccoglie una serie di violenze, torture e suicidi segnalati negli istituti penitenziari italiani. LA SCHEDA

Il sesto rapporto "Oltre il tollerabile" dell'Osservatorio Antigone, che si batte per i diritti dei detenuti, conta una serie di violenze, torture e suicidi segnalati negli istituti penitenziari italiani e di procedimenti nei confronti di personale operante nelle strutture penitenziarie.

Il caso di Stefano Cucchi, il 31enne romano morto in circostanze ancora da chiarire al Regine Coeli, riaccende i riflettori sul tema dei diritti dei carcerati.

Di seguito alcuni casi violenze e suicidi indicati nel rapporto:

GENOVA: Il 20 luglio del 2008, un detenuto del carcere genovese telefona alla nonna denunciando di essere stato violentemente picchiato. Quattro giorni dopo, la madre riceve una lettera con su scritto: "(...) mi ammazzano di botte almeno una volta alla settimana". Il 25 luglio del 2008, il ragazzo, un ventiduenne, viene trovato morto nella sua cella. La madre dichiarare che il figlio era "completamente coperto di lividi su tutto il corpo con delle chiare tracce di sangue che dal naso salivano verso la fronte e i capelli".

TORINO VALLETTE: Il 2 febbraio del 2009, un ex medico delle Vallette denuncia abusi e connivenze in danno ai detenuti, dichiarando come "all'interno delle strutture carcerarie i pestaggi da parte degli agenti, addirittura organizzati in apposite squadrette, siano all'ordine del giorno". Ad oggi, si attendono ulteriori ed eventuali sviluppi.

VELLETRI: L'11 settembre del 2008 muore in ospedale un detenuto quarantunenne. E' in corso l'inchiesta per verificare se la morte sia stata causata dalle violenze subite dopo l'arresto. La vittima, oltre a riportare diverse fratture, presentava "un grave stato di sofferenza epatica", motivo per cui era stato ricoverato in ospedale. Proprio poco prima di morire, l'uomo avrebbe "esplicitamente incolpato gli agenti di averlo ridotto in quelle condizioni".

FORLI': Termina nel febbraio del 2009 il processo contro un agente di polizia penitenziaria accusato di violenze sessuali nei confronti di alcune detenute. L'uomo e' stato condannato a tre anni di reclusione. I fatti risalgono al 2005. L'agente, secondo l'accusa, nel perquisire una detenuta le palpeggio' il seno, riservando lo stesso trattamento a diverse altre donne.

LECCE: Continua il processo contro nove agenti del carcere minorile di Lecce imputati di violenze, maltrattamenti e soprusi. Dal 16 luglio 2007 la struttura e' ufficialmente chiusa per mancato adeguamento alla legge 626 sulla sicurezza delles trutture . I ragazzi sono stati trasferiti nel carcere minorile di Bari.

Leggi anche:

Stefano Cucchi, La famiglia: ora la verità
Un arresto e otto giorni per morire: le foto choc

Federico Aldrovandi: una storia simile a quella di Stefano Cucchi

Leggi tutto