Eutanasia-aborto, Cei: ai farmacisti il diritto d'obiezione

1' di lettura

Lo ha affermato Monsignor Crociata intervenendo al convegno nazionale dell'Unione cattolica farmacisti: "Deve essere permesso loro di non collaborare alla fornitura di prodotti dagli scopi immorali"

L'obiezione di coscienza è un diritto che deve essere riconosciuto anche ai farmacisti. Lo ha detto Monsignor Mariano Crociata intervenendo al convegno nazionale dell'Unione cattolica farmacisti. Riconoscere questo diritto-dovere, aggiunge il segretario generale della Cei, permetterebbe ai farmacisti di non collaborare direttamente o indirettamente alla fornitura di prodotti che hanno per scopo, scelte chiaramente immorali come l'aborto e l'eutanasia.

Leggi tutto
Prossimo articolo