SKY a L'Aquila, "un soccorso alle piccole aquile"

1' di lettura

Grazie al contributo dei telespettatori e degli utenti del sito Internet che hanno sottoscritto l'iniziativa SKY per l'Abruzzo, sarà costruito un pronto soccorso pediatrico

Terremoto in Abruzzo. VAI ALLO SPECIALE
L'Aquila prima e dopo il sisma: guarda tutte le foto

La signora Daniela Bongiorno, accompagnata dal figlio Leonardo, ha consegnato oggi al Presidente della Regione Abruzzo e Commissario Delegato per la ricostruzione e la funzionalità degli edifici e dei servizi pubblici, Gianni Chiodi, un grande assegno simbolico pari a 2.179.484,52 euro, in parte frutto della sottoscrizione degli abbonati e, in parte, del contributo (un milione di euro) con cui SKY ha voluto raddoppiare la cifra raccolta.

Alla presenza dell’Amministratore Delegato di SKY Italia, Tom Mockridge, del direttore di SKY TG24, Emilio Carelli, del vice presidente di Sky Italia, Andrea Scrosati e del commissario della Asl dell’Aquila-Sulmona-Avezzano, Giancarlo Silveri si è svolta, questa mattina, la cerimonia di consegna del denaro destinato alla costruzione del nuovo Pronto soccorso pediatrico dell’ospedale aquilano.

"L’Italia - ha commentato il Presidente Chiodi - ha dimostrato che la solidarietà della sua gente non si ferma alle parole o ai sentimenti ma va oltre. E’ stata data prova di coraggio e di grande generosità in soccorso di un territorio che non è riuscito a contrastare la forza distruttiva della natura. La mobilitazione degli italiani è stata generale già qualche ora dopo l’evento sismico. A nome di tutti gli aquilani ringrazio gli abbonati che ci consentono oggi di realizzare un progetto ambizioso offrendo un servizio all’avanguardia per i pazienti più piccoli. Grazie a tutta la famiglia di Sky per il contributo economico ma anche per il grande lavoro svolto, sul piano dell’informazione, in questi mesi di emergenza. Dopo sei mesi – ha aggiunto Chiodi - i risultati si vedono, sono concreti, sono reali, un record assoluto di tempestività ed efficienza. Sono centinaia le famiglie che abitano case nuove e confortevoli, migliaia gli studenti che hanno ripreso l’attività scolastica, spesso in strutture realizzate a tempo di record e, con questa iniziativa aggiungiamo un tassello rilevante al mosaico degli interventi finalizzati alla ricostruzione”.

SKY ha voluto testimoniare così la solidarietà dei propri abbonati. “E’ per me motivo di grande orgoglio essere qui oggi” – ha sottolineato l’Amministratore Delegato Tom Mockridge. “Rappresento idealmente tutti i nostri abbonati che, anche grazie al prezioso lavoro di SKY TG24, hanno mostrato fin dal primo momento la loro vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto. La consegna della cifra raccolta per il nuovo Pronto Soccorso pediatrico dell’Ospedale dell’Aquila, rappresenta un esempio concreto di solidarietà e fotografa al meglio lo spirito della grande famiglia di SKY”..

I lavori, che inizieranno nei prossimi giorni e si concluderanno entro marzo 2010, prevedono la creazione di un Pronto Soccorso Pediatrico e di un reparto di Osservazione Breve con 4 posti letto. La struttura, unica nel suo genere in tutta la Regione, sarà aperta 24 ore su 24, e offrirà la possibilità di effettuare controlli clinici, accertamenti e terapie senza necessità di ospedalizzazione. I piccoli pazienti potranno ricevere un intervento immediato utilizzando attrezzature all’avanguardia nella gestione dell’emergenze, in un ambiente accogliente e concepito per favorire i rapporti tra il personale medico e paramedico della struttura e le famiglie dei piccoli pazienti.

SKY Tg24 aggiornerà i propri abbonati mese per mese sull’avanzamento dei lavori della nuova struttura, la cui entrata in servizio è prevista per marzo 2010. ECCO LE PRIME NOVITA':



SKY a L'Aquila: un soccorso per le piccole aquile
Gianni Chiodi: con SKY grande prova di solidarietà

Guarda anche:

Abruzzo ieri e oggi: l'album fotografico
Bertolaso: L'Aquila è il più grande cantiere d'Italia
Terremoto in Abruzzo: "Dove passeremo l'inverno?"
Vai allo Speciale Terremoto in Abruzzo
Abruzzo, in 5 mesi dalle tendopoli alle prime case di legno

Leggi tutto