Grasso: la trattativa Stato-mafia salvò molti ministri

1' di lettura

Il procuratore antimafia: "C'era un ricatto nei confronti della Repubblica, il momento era terribile". Di Pietro: "Parole gravissime: faccia i nomi di chi ha gestito questa indecente" mercificazione

La trattativa con la mafia nei primi anni 90 c'è stata e anzi Cosa nostra aveva capito di poter ricattare lo Stato. A sostenerlo è il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, intervistato dal Tg3 della sera. E le sue parole rilanciano la polemica esplosa in questi giorni dopo la consegna alla Procura di Palermo delle copie di quello che il figlio di Vito Ciancimino assicura essere il "papello" elaborato da Riina per avviare la trattativa tra Stato e mafia.

Leggi tutto