Il papello dei misteri, Ciancimino: istituzioni chiariscano

1' di lettura

Polemiche sul documento che conterrebbe le richieste dei boss allo Stato per interrompere la stagione delle stragi. I pm di Palermo si dicono cauti, mentre per Rita Borsellino è una conferma importante da cui possono ripartire le indagini

La lista delle richieste che i corleonesi fecero allo Stato per mettere fine alle stragi, dopo Capaci e prima di Borsellino, è stata consegnata ai magistrati da Massimo Ciancimino, figlio di Vito, ex sindaco della città inquisito per mafia. Secondo il figlio dell'ex sindaco di Palermo, il documento sarebbe stato consegnato al colonnello dei carabinieri del Ros, Mario Mori, che ha sempre smentito. Sul caso, è intervenuto anche Nicola Mancino, che al tempo della stage di Capaci era ministro dell'Interno, ora vicepresidente del Csm. "Se il cosiddetto papello contenente le richieste della mafia per alleggerire l'offensiva contro lo Stato è stato consegnato, tramite Vito Ciancimino, al colonnello Mori, è quest'ultimo che deve dire a chi l'ha consegnato".

Guarda anche:

Il papello: cosa voleva la mafia per fermare le stragi

Ascolta il parere di:

Roberto Centaro, ex presidente Commissione parlamentare antimafia: "Lo Stato ha reagito e ha vinto da solo"

Daniela Mazzucconi, ex sottosegretario alla Giustizia: "Lo Stato ha coperto la Mafia? Una bella fantasia"

Leggi tutto