Brescia, miracoli per milioni di euro: 2 denunciati

1' di lettura

Avevano costituito una setta religiosa attraverso la quale circuivano malati, promettendo guarigioni in cambio di denaro. I carabinieri hanno scoperto un giro d'affari di milioni di euro

I carabinieri di Chiari hanno denunciato il capo della "chiesa del Magnificat", Giuseppe Zani, un agricoltore che aveva avviato a Castrezzano, nel bresciano, un'intensa attività di bioterapia. L'uomo, che si proclamava pontefice della setta e nominava vescovi, prometteva guarigioni a centinaia di malati che arrivavano da tutta Italia per un giro di milioni di euro. Molte le persone che hanno dichiarato ai carabinieri di essersi ridotti sul lastrico per pagare le cure che avvenivano tramite l'imposizione delle mani e somministrando medicinali. Nell'appartamento usato come clinica è stata trovata anche una cappella nella quale si compivano riti religiosi. Zani e un suo collaboratore dovranno rispondere di truffa, circonvenzione d'incapace, lesioni personali, esercizio arbitrario della professione medica.

 

Leggi tutto
Prossimo articolo