Colleferro, il giallo dei manager sotto sequestro

1' di lettura

Nel piccolo centro a sud di Roma gli operai della Alstom hanno impedito ai manager di uscire dai loro uffici, ma i rappresentanti sindacali dicono: "Non parlate di rapimento". In serata la tensione rientra

Nessuno vuole chiamarlo "sequestro", ma per otto ore, tre manager della Alstom di Colleferro, in provincia di Roma, sono rimasti bloccati in ufficio dagli operai che protestavano contro la crisi dell'azienda. Non permettiamo a nessuno di uscire: "Li abbiamo chiusi in direzione, bloccando l'ingresso", aveva annunciato determinato il rappresentante sindacale Cgil. Niente violenze ma la tensione in fabbrica è salita anche perché gli operai avevano assicurato che non avrebbero mollato prima di aver avuto certezze sul loro futuro. Alla fine il sit-in si è sciolto con la promessa che tra dieci giorni le parti saranno convocate al ministero del Lavoro.

 Leggi anche:

Melfi sette operai occupano il tetto della fabbrica
Un'altra vittoria operaia: giù dalla torre la Cism è salva
Tutte le talpe della vicenda Innse
Battipaglia: o lavoriamo o ci diamo fuoco

Leggi tutto
Prossimo articolo