E' morto Gino Giugni, padre dello Statuto dei lavoratori

1' di lettura

Giurista, nel 1969 diviene presidente della Commissione Nazionale per lo Statuto dei Lavoratori, che ebbe l'incarico di scrivere il testo che è una delle norme principali del diritto del lavoro italiano. Aveva 82 anni

E' morto l'ex ministro del Lavoro Gino Giugni. Nato a Genova il 1 agosto 1927 era considerato il padre dello Statuto dei lavoratori. Secondo quanto si è appreso, è deceduto a Roma dopo una lunga malattia. Aveva 82 anni

Giurista, nel 1969 diviene presidente della Commissione Nazionale per lo Statuto dei Lavoratori, che ebbe l'incarico di scrivere il testo che è una delle norme principali del diritto del lavoro italiano.

Si è laureato in Giurisprudenza, ed è divenuto, poi, avvocato. In seguito ha intrapreso la carriera universitaria insegnando presso diverse cattedre a Nanterre, Parigi, Los Angeles, Buenos Aires. Nel maggio del 1983 è vittima di un attentato delle Brigate Rosse.
Giugni, come in seguito Massimo D'Antona e Marco Biagi, è stato "anello di congiunzione" tra le istituzioni e il mondo economico. Sempre nel 1983 viene eletto senatore nelle liste del Partito Socialista Italiano.

Ricopre il ruolo di presidente della Commissione per il lavoro e la sicurezza sociale, e diviene membro della Commissione Parlamentare Inquirente sulla Loggia Massonica P2.
Nel 1987 viene rieletto senatore, ed è riconfermato presidente della Commissione per il lavoro e la sicurezza sociale e diviene membro della Commissione Parlamentare per le Riforme Istituzionali.
Dal 1993 al novembre 1994 Giugni è presidente nazionale del Psi e dall'aprile del 1993 al maggio 1994 ricopre la carica di ministro del Lavoro e della sicurezza sociale del governo Ciampi.
Nel `94 viene eletto deputato del Partito Socialista e diviene membro della Commissione per l`impiego pubblico e privato. Dal novembre 1994 è presidente del gruppo dei Socialisti Italiani. Viene nominato presidente della Commissione di vigilanza sul diritto allo sciopero.

Gino Giugni è stato il "vero grande maestro del diritto e della politica del lavoro". Così lo ricorda il senatore del Pd, Tiziano Treu, giuslavorista allievo dello stesso Giugni. "Siamo tutti fortemente addolorati", ha detto Treu aggiungendo che andrà ricordato anche pubblicamente in modo adeguato, all'altezza del suo profilo.

Leggi tutto
Prossimo articolo