Influenza A, Fazio: "Stime contagio non preoccupanti"

1' di lettura

Il viceministro alla Salute tranquillizza: potrebbe non essere necessario chiudere la scuole fra metà dicembre e metà gennaio, quando il virus dovrebbe assumere le forme più acute

Il viceministro alla Salute Fazio tranquillizza: le stime sui dati per le persone infette dall'influenza A non sono molto preoccupanti e potrebbe non essere necessario chiudere la scuole fra metà dicembre e metà gennaio, quando il virus potrebbe assumere le forme più acute. Il viceministro chiarisce che entro il 31 ottobre potrebbero iniziare le vaccinazioni ma, spiega, solo i servizi essenziali ne potranno beneficiare perchè la gente che non ha malattie importanti non rischia niente.

Leggi anche:
H1N1, si decide su vaccino e sicurezza nelle scuole
H1N1, niente baci al liceo: contrari gli studenti
L'OMS rassicura: il virus non sta mutando
Influenza A, antivirali tra business e bugie
Influenza A, il vaccino sarà davvero efficace?

Se l'influenza A diventa un business

Leggi tutto