Roma, rogo in una casa di cura: morta un'anziana

1' di lettura

L'incendio nella clinica San Francesco Caracciolo, nel quartiere Montesacro. La vittima aveva 88 anni. Una decina di persone intossicate dal fumo. Forse un lumino all'origine dell'incendio

Le fiamme sono divampate all'improvviso, sembrava il finimondo nella clinica, convenzionata con la Regione, per malati terminali. Nel rogo, scoppiato al terzo piano, una stanza è stata avvolta dalle fiamme. All'interno si trovava una signora di 88 anni, Loretta Di Ticco, immobilizzata a letto per una grave patologia. Accanto a lei, un letto rimasto vuoto a causa del decesso di una signora poche ore prima. un lumino dimenticato acceso in segno di lutto nella stanza, forse proprio sul letto o vicino, sarebbe stata la causa dell'incendio che ha avvolto il materasso dove giaceva l'anziana. Qualcuno dei soccorritori avrebbe detto di aver visto fuoriuscire ossigeno dall'impianto accanto alla signora. L'impianto e i sistemi di sicurezza della casa di cura erano a norma sulla carta, ha detto il vicecomandante provinciale dei vigili del fuoco Bergamini. c'era tanto fumo quando siamo entrati nella stanza, è stato il racconto di un vigile del fuoco. Il direttore sanitario della clinica, dopo l'incendio, ha accusato un malore ed è stato portato in ospedale. sei intossicati in modo leggero. La casa di Cura, in passato, è stata coinvolta da manifestazioni di dipendenti che non ricevevano gli stipendi.

Leggi tutto
Prossimo articolo