Caso Meredith, in aula l'arma del delitto

1' di lettura

Davanti alla Corte d'Assise di Perugia è stato mostrato il coltello che, secondo l'accusa, sarebbe stato impiegato per uccidere la studentessa inglese. Presenti anche i due imputati Raffaele Sollecito e Amanda Knox

Durante l'udienza è stato mostrato davanti alla Corte di Assise di Perugia il coltello sequestrato in casa di Raffaele Sollecito. Si tratterebbe dell'arma del delitto, circa la quale il professor Mariano Cingolani ha sostenuto la "non assoluta incompatibilità con la ferita più piccola ritrovata sul collo della vittima". Intanto nuovi particolari si aggiungono alla ricostruzione del delitto. Ai primi di ottobre le parti potrebbero chiedere una perizia sulle tracce di Dna di Amanda e Meredith ritrovate sul manico e sulla punta del coltello.

Leggi tutto
Prossimo articolo