Napoli, si ripete il miracolo di San Gennaro

1' di lettura

Il sangue del patrono era già liquefatto quando il cardinale Crescenzio Sepe ha preso la teca dal reliquiario. "L'ampolla può essere baciata - ha ribadito il cardinale - con le dovute precauzioni igieniche"

Alle 9.56 si è rinnovato, nella cattedrale di Napoli, il fenomeno della liquefazione del sangue di San Gennaro. Nell'ampolla tenuta in mano dall'arcivescovo della città, cardinale Crescenzio Sepe, il sangue si è sciolto come accade ogni anno nel giorno della celebrazione della festività del santo patrono campano. "Il giro di catene più arrogante - sottolinea l'arcivescovo di Napoli nell'omelia per la festività di San Gennaro - è quello con cui la criminalità, organizzata o no, costituita in sistema o in vecchi e nuove aggregazioni camorristiche tenta di strangolare ogni sussulto di coraggio e di sporcare di paura anche i giorni della speranza".

Leggi tutto
Prossimo articolo