Bari, Tarantini fermato perché stava per fuggire

1' di lettura

Per la Procura c'era il rischio di inquinamento delle prove e un pericolo di fuga, forse in Tunisia. Per questo sono scattate le manette ai polsi dell'indagato nelle inchieste su sanità, droga ed escort. L'imprenditore però nega: "non volevo scappare"

Dal divorzio da Veronica Lario allo scandalo Noemi e Patrizia: Guarda l'album fotografico


Gianpaolo Tarantini è in carcere. L'imprenditore barese coinvolto in alcune inchieste sulla sanità in Puglia e su un giro di escort che sarebbero state portate anche nelle residenze del premier, Silvio Berlusconi, è stato fermato all'aeroporto di Bari dai militari della Guardia di Finanza per il reato di detenzione e spaccio di stupefacenti. Il provvedimento, della Procura, è stato motivato con il pericolo di fuga, sembra in Tunisia, e di inquinamento delle prove.



Leggi anche:

Bari, Tarantini: ho paura. I pm negano il patteggiamento

Tarantini-D'Alema, incontro in barca: "Fu casuale"

Il sindaco di Bari Michele Emiliano: "mai visto un governatore reagire come Vendola"

Berlusconi: "Non esiste alcun giro di prostituzione"

Tarantini: pagai le donne, ma Berlusconi non sapeva

Le ragazze: Tarantini mente

Berlusconi fuori da qualsiasi responsabilità penale

Inchiesta di Bari, forse coinvolti anche parlamentari

Patrizia e Berlusconi: l'audio delle conversazioni 1 - 2 - 3
Berlusconi: "Non sono un santo, lo avete capito"

Belusconi-D'Addario: l'ultimo gossip sulla stampa estera

Leggi tutto