La madre del sergente Valente: orgogliosa di mio figlio

1' di lettura

"Era un figlio e un soldato eccezionale, non è possibile che non ci sia più. Dallo Stato non voglio niente". Poi il ricordo dell'ultima telefonata: "Mi ha detto 'mamma, continua ad essere la quercia che sei sempre stata' "

GUARDA LE FOTO

Napoletano, simpatico, con gli occhi sorridenti, il saluto sempre pronto. Era così il sergente maggiore Roberto Valente, il più anziano dei militari italiani morti nell'attentato a Kabul. A novembre avrebbe dovuto far rientro in Italia, con destinazione il carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. "Sono orgogliosa di mio figlio - dice in lacrime la madre - era un figlio e un soldato eccezionale- Non è possibile che non ci sia più. Dallo Stato non voglio niente". Poi il ricordo dell'ultima telefonata: "Mi ha detto 'mamma, continua ad essere la quercia che sei sempre stata'".

Leggi anche:

Attentato a Kabul, strage di italiani

I nomi, i volti, le storie dei sei militari morti
La ricostruzione dell'attaco
Lunedì funerali solenni e lutto nazionale

Afghanistan. La Russa: uscire a desso sarebbe una debolezza

Napolitano: la missione non cambia
Bossi: a Natale a casa tutti


Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiriya
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"

Leggi tutto
Prossimo articolo