La madre del sergente Valente: "Un figlio eccezionale"

1' di lettura

Le ultime parole del militare italiano ai parenti: "Non preoccupatevi, io devo rientrare". Sarebbe dovuto tornare presto in Italia anche il caporal maggiore Giandomenico Pistonami, la fidanzata: "Non ne poteva più"

GUARDA LE FOTO

Napoletano, simpatico, con gli occhi sorridenti, il saluto sempre pronto. Era così il sergente maggiore Roberto Valente, il più anziano dei militari italiani morti nell'attentato di ieri a Kabul. A novembre avrebbe dovuto far rientro in Italia. Aveva presentato una richiesta di trasferimento che dopo varie traversie era stata accolta. Destinazione: il carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. La madre, tra le lacrime, ai giornalisti ha detto: "Sono orgogliosa di mio figlio, dallo Stato non voglio niente". Sarebbe dovuto tornare presto in Italia anche il caporalmaggiore Giandomenico Pistonami: "Aveva già caricato il baule sulla nave - racconta la fidanzata, Zuega Pizzo - c'era aria di casa. Non ne poteva più di stare lì, la tensione era sempre grande".

 

Leggi anche:

Attentato a Kabul, strage di italiani

I nomi, i volti, le storie dei sei militari morti
La ricostruzione dell'attaco
Lunedì funerali solenni e lutto nazionale

Afghanistan. La Russa: uscire a desso sarebbe una debolezza

Napolitano: la missione non cambia
Bossi: a Natale a casa tutti


Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiriya
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"

Leggi tutto