La fidanzata di Pistonami: "Non ne poteva più"

1' di lettura

Il caporalmaggiore sarebbe dovuto tornare a casa tra quaranta giorni: "Aveva già caricato il baule sulla nave, c'era orami aria di casa. A Kabul la tensione era sempre grande"

Aveva già preparato i bagagli, per rientrare in Italia. Il caporalmaggiore Giandomenico Pistonami, uno dei sei militari italiani rimasti uccisi a Kabul, sarebbe dovuto tornare a casa tra quaranta giorni. "Aveva già caricato il baule sulla nave - racconta la fidanzata, Zuega Pizzo - c'era aria di casa. Non ne poteva più di stare lì, la tensione era sempre grande".

Leggi anche:

Attentato a Kabul, strage di italiani

I nomi, i volti, le storie dei sei militari morti
La ricostruzione dell'attaco
Lunedì funerali solenni e lutto nazionale

Afghanistan. La Russa: uscire a desso sarebbe una debolezza

Napolitano: la missione non cambia
Bossi: a Natale a casa tutti

Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiriya
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"

Leggi tutto