Omicidio Saana, chiesta convalida fermo per il padre

1' di lettura

Si è conclusa l'autopsia sul corpo della ragazza marocchina uccisa a coltellate in provincia di Pordenone. In carcere il genitore della giovane, che non accettava la relazione della ragazza con un italiano 31enne

L'autopsia eseguita sul corpo di Sanaa Dafani ha stabilito che la giovane marocchina è stata uccisa con una coltellata alla gola. Il padre, El Ketawi Dafani, dovrà raccontare al giudice per le indagini preliminari perchè si è scagliato con tanta violenza su sua figlia e sul suo fidanzato, Massimo Di Biasio, ferendolo. L'accusa per lui è di omicidio pluriaggravato premeditato. Il movente potrebbe essere di natura religiosa, in quanto Di Biasio è cattolico. La madre di Sanaa ha usato parole di compassione nei confronti del marito.

Leggi tutto