Inchiesta Bari, Tarantini: "Ora temo per la mia vita"

1' di lettura

L'imprenditore protagonista delle inchieste su politica, escort e appalti dice di temere per la sua sicurezza e quella della sua famiglia. Le dichiarazioni contenute nell'esposto depositato presso la Procura del capoluogo pugliese

Dal divorzio da Veronica Lario allo scandalo Noemi e Patrizia. L'ALBUM FOTOGRAFICO

 

Gianpaolo Tarantini teme per la sua vita. L'imprenditore su cui ruotano le inchieste della Procura di Bari su sanità, escort, festini e droga si sente come un collaboratore di giustizia. Afferma di temere per la sicurezza sua e della sua famiglia e confessa che, se qualcuno dovesse minacciarlo, non esiterà a chiedere alle forze di polizia e alla magistratura di essere tutelato. Le preoccupazioni di Tarantini sono contenute nell'esposto che ha depositato alla Procura di Bari. Tarantini ha lamentato il danno "devastante" che ha ricevuto dalla pubblicazione dei verbali secretati dei suoi interrogatori finiti due giorni fa sul Corriere della Sera.

Leggi anche:
Patrizia D'Addario: discutiamo in pubblico dei miei reati

 

 

Leggi tutto