Influenza A, a Natale il picco. Napoli, grave il 50enne

1' di lettura

In un tavolo tecnico al ministero del Welfare, sono state stabilite le linee guida per contrastare la pandemia: possibile la chiusura "mirata" delle scuole. Intanto resta in gravi condizioni il 50enne ricoverato all'ospedale Cotugno

Nessun allarmismo, il virus H1N1 si diffonde con grande velocità, ma non è aggressivo. A rassicurare gli italiani è il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, al termine della riunione della unità di crisi. Questo non significa che non ci si ammalerà: il picco di contagio è previsto infatti tra il 18 dicembre e il 18 gennaio, periodo in cui si calcola che da 1 a 3 milioni di persone, ogni 15 giorni, saranno contagiate dall'influenza A. L'arma migliore resta il vaccino, che sarà disponibile dal 15 novembre. Intanto non migliorano le condizioni del 50enne ricoverato all'ospedale di Napoli.

Leggi anche:

Influenza A, pediatri: "Valutare chiusura scuole"
Influenza A, in Italia vaccini gratuiti a novembre
Influenza A, antivirali tra business e bugie
Influenza A, il vaccino sarà davvero efficace?
Se l'influenza A diventa un business

Leggi tutto