Scuola, cresce la protesta dei precari contro i tagli

1' di lettura

Secondo i sindacati sono a rischio 42mila cattedre e 15mila posti di personale ATA, ovvero ausiliari, tecnici e anmministrativi. Per domani previsto un incontro al Ministero dell'Istruzione, secondo cui i dati forniti sono falsi

In piazza per difendere il posto di lavoro. Da Roma a Milano, da Torino a Salerno i precari della scuola si mobilitano e contestano i tagli previsti dalla Finanziaria nel settore dell'istruzione. Secondo i sindacati, sono a rischio 42mila cattedre e 15mila posti di personale ATA (ausiliari, tecnici, anmministrativi). A Benevento sei insegnanti sono da tre giorni sul tetto del provveditorato aspettando che sia fatto qualcosa di concreto. Per domani è previsto un incontro tra i sindacati e i vertici di viale Trastevere, che intanto precisano: i dati forniti sono falsi.

Leggi tutto
Prossimo articolo