Delitto del Circeo: Gianni Guido è libero

Gianni Guido in attesa dell'autobus a via Nomentana a Roma
1' di lettura

Uno dei tre responsabili del delitto del Circeo nel 1975 ha da ieri chiuso i conti con la giustizia italiana. "Fine pena 25 agosto 2009" è scritto sulla sua scheda del casellario giudiziario

E' tornato libero Gianni Guido, uno dei killer del massacro del Circeo, condannato a 30 anni per aver ucciso, assieme agli amici Angelo Izzo e Andrea Ghira, Rosaria Lopez e aver ridotto in fin di vita la sua amica Donatella Colasanti. L'oramai 53enne ex ragazzo della borghesia romana, che dopo 14 anni trascorsi nel carcere romano di Rebibbia l'11 aprile 2008 era stato affidato ai servizi sociali, ha finito di espiare la sua pena e, quindi, non ha più l'obbligo di dimora in casa dei genitori.

Guido, che al processo terminato nel luglio 1976 venne condannato all'ergastolo, si vide modificare il 28 ottobre 1980 la condanna per il massacro del Circeo a 30 anni dopo la dichiarazione di pentimento e l'accettazione da parte della famiglia della ragazza uccisa di un risarcimento. In seguito, riuscì ad evadere dal carcere di San Gimignano nel gennaio del 1981 e a fuggire a Buenos Aires dove però venne riconosciuto ed arrestato poco più di due anni dopo. In attesa dell'estradizione, nell'aprile del 1985 riuscì ancora a fuggire, ma nel giugno del 1994 fu di nuovo catturato a Panama, dove si era rifatto una vita come commerciante di autovetture, ed estradato in Italia.

Fine pena che fa discutere:
Terrorismo, Fioravanti torna in libertà
Libertà condizionale per Francesca Mambro


Leggi tutto
Prossimo articolo