Capri, dopo i liquami bottiglie in mare. 2 arresti

1' di lettura

L'isola di Tiberio torna a essere al centro dell'attenzione per un'ulteriore fatto di cronaca. Il titolare di un noto ristorante e un suo dipendente si disfacevano di bottiglie di vetro, gettandole in mare. Scattate le manette

Dopo l'arresto dei due operai che sversavano liquami davanti alla Grotta Azzurra, scattano le manette per il noto imprenditore caprese Carlo De Martino, titolare del lido "I bagni di Tiberio", e per un suo dipendente cingalese, accusati d'aver effettuato un danno ambientale col gettarvi bottiglie di vetro vuote. Col patteggiamento i due sono stati condannati a otto mesi di arresti domiciliari.

 

Leggi anche:
Campania, dal mare di rifiuti all'emergenza mare inquinato
Dove fare il bagno: ecco la mappa del Ministero della Salute

Leggi tutto
Prossimo articolo