Torino, caso sospetto di eutanasia

1' di lettura

Indagata un'infermiera dell'ospedale Giovanni Bosco, che avrebbe somministrato a un 42enne in coma irreversibile una dose massiccia di calmante, che ne ha causato la morte. Interrogata, la donna si è avvalsa della facoltà di non rispondere

La Procura di Torino sta indagando su un sospetto caso di eutanasia che vede indagata un'infermiera dell'ospedale Giovanni Bosco di Torino. Il caso è quello di un senzatetto 42enne, Sandro Lepore, che era ricoverato in coma irreversibile dopo aver tentato il suicidio con un'overdose di oppiacei. L'uomo è deceduto in seguito ad un'iniezione massiccia di calmanti, non autorizzata dal medico. Mercoledì l'autopsia. L'infermiera è già stata ascoltata dal magistrato e si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

Leggi tutto
Prossimo articolo