Capri, liquami nella Grotta Azzurra: due arresti

1' di lettura

In manette sono finiti due dipendenti di una ditta di espurgo pozzi neri. I carabinieri li hanno sorpresi mentre gettavano rifiuti liquidi direttamente in mare, ora si trovano ai domiliari in attesa del processo fissato per il 25 agosto

Li hanno sorpresi in flagranza, mentre nei pressi della Grotta Azzurra versavano direttamente in mare i liquami contenuti in una autobotte e prelevati da pozzi neri. In manette sono finiti due dipendenti di una ditta di espurgo pozzi neri, Salvatore Guerriero e Salvatore Criscuolo, entrambi di Castellammare di Stabia. I carabinieri di Anacapri li hanno arrestati per 'deturpamento di bellezze naturali ed illecito smaltimento di rifiuti fognari in zona sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico'. Ora si trovano ai domiliari in attesa del processo fissato per il 25 agosto.

Leggi anche:
Campania, dal mare di rifiuti all'emergenza mare inquinato
Dove fare il bagno: ecco la mappa del Ministero della Salute

Leggi tutto
Prossimo articolo