Teramo, ucciso con un pugno: arrestati due minorenni

1' di lettura

In manette due ragazzi del posto accusati dell'omicidio del 23enne Antonio De Meo e il padre di uno di loro per favoreggiamento. Alla base dell'aggressione ci sarebbe un litigio per una bicicletta

I carabinieri di Teramo hanno arrestato i due presunti responsabili della morte di Antonio De Meo, il 23enne studente universitario dell'ascolano ucciso la notte di ieri dopo essere stato colpito da un pugno in testa durante una lite. In manette sono finiti due minorenni del posto ma anche il padre di uno di loro, accusato di favoreggiamento per aver bruciato il motorino utilizzato per la fuga. Alla base dell'aggressione ci sarebbe stato un litigio tra Antonio e quattro ragazzi per la propria bicicletta, quella con cui aveva raggiunto il chiosco di panini vicino al lungomare: qualcuno l'aveva spostata e lo studente pensava fosse stata rubata dai giovani.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24