23enne ucciso nel teramano. Arrestati due minorenni

1' di lettura

Due ragazzi di 15 e 17 anni e il padre di uno di loro sono stati arrestati nell'ambito delle indagini per la morte del 23enne Antonio De Meo, colpito da un pugno durante una lite avvenuta in un chiosco di bibite e panini a Villa Rosa di Martinsicuro

Due minorenni, di 15 e 17 anni e il padre di uno di loro, sono stati arrestati nell'ambito delle indagini per la morte del 23enne Antonio De Meo, colpito da un pugno durante una lite avvenuta in un chiosco di bibite e panini a Villa Rosa di Martinsicuro, vicino Teramo. Sembra che la lite sia scoppiata per una bicicletta spostata che la giovane vittima credeva volesse essere rubata. Sono volate parole grosse e poi l'aggressione. De Meo è barcollato e poi è caduto a terra.

Secondo fonti locali, i due ragazzi si 15 e 17 anni facevano parte del gruppo dei quattro minorenni di etnia rom che quella notte hanno aggredito lo studente universitario.

Della vicenda si sta occupando tra l'altro il tribunale dei minori dell'Aquila. La tragica morte di Antonio De Meo, questo il nome del ragazzo ucciso a seguito di un pugno al cranio, ha provocato profondo sgomento nella cittadina di Castel di Lama, in provincia di Ascoli, dove la vittima viveva con i genitori. Le indagini per ricostruire l'esatta dinamica della tragedia sono in corso.

Leggi tutto