Codice della strada: arrivano le supermulte

Entrano in vigore da sabato 8 agosto le modifiche al Codice della strada che sanziona in modo più aspro le violazioni commesse di notte
1' di lettura

Entrano in vigore le modifiche al Codice della strada che sanziona in modo più aspro le violazioni commesse di notte. L’incremento è previsto per: velocità, precedenza, distanza di sicurezza, inosservanza segnaletica, circolazione contromano

In concomitanza con il presunto grande esodo di metà estate, entreranno in vigore le modifiche al Codice della Strada introdotte con la legge del 15 luglio 2009 in merito alle disposizioni in materia di sicurezza pubblica. L’incremento è previsto per: velocità, precedenza, distanza di sicurezza, inosservanza segnaletica, circolazione contromano e altre ancora, accertate dalle 22 alle 07

Ecco le più significative modifiche che entreranno in vigore dal prossimo sabato 8 agosto.

Decoro della strada - È stato introdotto l’articolo 34 bis che punisce con la sanzione amministrativa da 500 a 1000 euro (prima erano 23 euro) chiunque sporca le pubbliche strade mediante getto di rifiuti o oggetti dai veicoli in sosta o in movimento.

Guida sotto l’influenza dell’alcool o in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti - E' raddoppiato il periodo di sospensione della patente di guida per il conducente trovato in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l; qualora il veicolo col quale è stato commesso il reato sia di proprietà di persona estranea ai fatti (la sanzione amministrativa accessoria della confisca del veicolo non si applica se il veicolo è di proprietà di persona estranea al reato). Stessa sorte tocca al conducente di veicolo non proprietario, che sia trovato positivo all’uso di sostanze stupefacenti.
Chi verrà sorpreso per la prima volta con un tasso alcolemico tra 0,51 e 0,80 grammi/litro pagherà un’ammenda di 250 euro e si vedrà sospendere la patente 3 mesi. Se il fermato ha precedenti penali - anche non legati all’infrazione – pagherà 300 euro invece di 250. Per chi invece sarà trovato con una concentrazione d’alcol da 0,81 a 1,50 grammi/litro l'ammenda passerà dagli attuali 600 euro a 1520 euro e avrà la patente sospesa per 6 mesi; da 1,51 a 2,50 grammi/litro l'ammenda passa da 1640 a 8 mila e 12 mesi senza patente. Mentre oltre 2,50 grammi/litro la sanzione passa da 2500 euro a 10 mila e 670 e 18 mesi di sospensione. Chi ha precedenti penali dovrà fare i conti con sanzioni aumentate: 300 euro e 3 mesi di sospensione da 0,51 a 0,80 grammi/litro (la soglia rimane a 0,5); da 1200 a 2275 euro e sei mesi senza patente da 0,81 a 1,50 grammi/litro; da 2460 a 12 mila euro e 12 mesi di sospensione della patente; da 1,51 a 2,50 grammi/litro; da 3750 a 16 mila euro 18 mesi di sospensione della patente. Per chi guida sotto l’effetto di stupefacenti l’ammenda passa da 1640 a 8 mila euro e sale fino a 12 mila per chi ha precedenti.
Tutte le ammende previste per il reato di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono aumentate d aun terzo alla metà, se il reato è commesso tra le 22 e le 7.
Una quota pari al 20 per cento delle ammende comminate con la sentenza di condanna andrà ad incentivare il Fondo contro l’incidentalità notturna

Assicurazione RCA - Viene introdotta la confisca amministrativa per il veicolo, di proprietà del conducente, trovato a circolare con i documenti assicurativi falsi o contraffatti. È colpito invece, dalla sanzione amministrativa della sospensione della patente di guida per un anno, colui che ha contraffatto o alterato i documenti assicurativi.

Ciclomotori e biciclette
- Con l'introduzione dell'articolo 219-bis, si estendono al certificato di idoneità alla guida le sanzioni accessorie del ritiro, della sospensione e della revoca del documento.
Analogamente, colui che guidi il ciclomotore in vigenza di un provvedimento di ritiro, sospensione o revoca del certificato di idoneità, è punito con le stesse sanzioni amministrative stabilite per il titolare di patente di guida che circoli nonostante abbia avuto il documento ritorato, sospeso, revocato.
Al certificato di idoneità alla guida, infine, sono state estese le disposizioni che regolano la decurtazione del punteggio.
Anche il titolare di patente che si trova alla guida di un ciclomotore, sarà quindi soggetto al ritiro, sospensione, revoca o decurtazione del punteggio, se commette, alla guida di questo veicolo, violazioni che comportino l'applicazione di tali sanzioni amministrative accessorie.

Leggi anche:
Auto: multe, arriva il condono
Sequestrati autovelox non conformi. Multe annullate
Sicurezza stradale, italiani sempre più indisciplinati
Semaforo rosso, multa valida solo se c'è il vigile

Leggi tutto