Pillola abortiva, Bagnasco: "Una crepa nella nostra civiltà"

1' di lettura

Ricovero e test psicologici: queste le condizioni che saranno fissate per la somministrazione della Ru486, che dal prossimo autunno sarà commercializzata in Italia. Il cardinale presidente della Cei invita i medici all'obiezione di coscienza. VAI AL FORUM

Vescovi all'attacco della pillola abortiva, con il cardinal Bagnasco, presidente della Cei, che parla di "crepa nella nostra civiltà". Non sarà intanto in discesa la strada per chi sceglierà di interrompere la gravidanza con la RU486 che dopo il via libera dell'Agenzia del farmaco sarà in commercio in Italia da prossimo autunno. Dopo i moniti del Vaticano e i contraccolpi della polemica politica, il governo serra i ranghi e tenta di alzare il tiro sui paletti che saranno imposti per la somministrazione. La Ru486 potrà essere assunta solo entro la settima settimana di gravidanza e il decorso dell'interruzione dalla somministrazione fino all'espulsione del feto avverrà sotto stretto monitoraggio medico.

Vai al Forum

Le dichiarazioni di Monsignor Sgreccia
Guarda il video che spiega come funziona la pillola

Leggi tutto
Prossimo articolo