Ru486, l'Italia si divide. Il Vaticano promette battaglia

1' di lettura

Dopo il sì dell'Agenzia del farmaco alla "pillola del giorno dopo" arrivano le polemiche. Sacconi scrive all'Aifa: "Va rispettata la legge 194". La Chiesa reagisce, Monsignor Fisichella: "Chi abortisce sia cosciente della gravità del gesto"

Sulla pillola abortiva Ru486 il governo chiede chiarimenti circa le modalità di utilizzo previste. E mentre il Vaticano annuncia battaglia, la politica si divide all'interno delle stessa maggioranza. L'interruzione di gravidanza avverrà in ospedale. Solo quì, o in altre strutture previste dalla legge, sarà somministrata entro la settimana settimana di gestazione. L'Aifa subordina l'ultilizzo del farmaco alla legge sull'aborto, la 194 del '78, che garantisce il ricovero in una struttura ospedaliera dal momento dell'assunzione "sino alla certezza dell'avvenuta interruzione di gravidanza".

 Ascolta Monsignor Sgreccia

Vai al Forum

Guarda il video che spiega come funziona la pillola

 

Leggi tutto