Auto: multe, arriva il condono

Arriva la sanatoria per tutte le multe prese prima del 2004. Secondo un'inchiesta del Il Sole24Ore, nelle città italiane una multa su tre non porta un euro nelle casse del comune che l'ha elevata
1' di lettura

Arriva la sanatoria per tutte le multe prese prima del 2004. Secondo un'inchiesta del IlSole24Ore, nelle città italiane una multa su tre non porta un euro nelle casse del comune che l'ha elevata

di Massimo Vallorani

L'argomento è di quelli che interessano milioni di cittadini alle prese con multe automobilistiche arretrate. Sta per arrivare, infatti, un mini-condono per tutte quelle sanzioni fino al 2004, comprese quelle per le quali sia già stata emessa l'ingiunzione di pagamento. I cittadini, in questo modo, potranno estinguere il loro debito senza il pagamento degli interessi ma con un tasso del 4% per l'agente di riscossione a titolo di rimborso.

La norma, è prevista dal decreto anti-crisi sul quale la Camera ha votato la fiducia e che ora passerà al vaglio del Senato che con tutta probabilità lo approverà prima della pausa estiva. L'iniziativa di questo nuovo condono è del neo-assessore al bilancio di Roma, Maurizio Leo, e in effetti è il Campidoglio a dover gestire l'arretrato più imponente. Ogni anno, infatti, il comune di Roma riesce a riscuotere poco meno del 50% delle sanzioni accertate, e sulla base dei bilanci si può stimare una somma "condonabile" intorno ai 300 milioni di euro. Se tutti i sindaci faranno partire la sanatoria, potranno essere coinvolte multe per 1,4 miliardi.

Secondo una stima fatta dal Sole 24 Ore complessivamente nelle città italiane una multa su tre si perde per strada ed i verbali che non arrivano al pagamento aprono buchi profondi in quello che è diventato negli anni un pilastro per i conti comunali. Gli ultimi tre certificati consuntivi dei comuni capoluogo disegnano bene i margini del problema: tra 2005 e 2007 i sindaci delle città hanno accertato entrate per 2,65 miliardi di euro, ma sono riusciti a far pagare agli automobilisti poco meno di 1,9 miliardi. Ciò significa che un euro su tre non arriva mai in municipio: per il totale dei comuni, si tratta di oltre mezzo miliardo all'anno. Da qui dunque l'idea del condono.

Tuttavia non tutti i comuni d'Italia sono d'accordo con questo provvedimento: Napoli e Roma sono soddisfatti. Gli assessori al bilancio di Milano e Bologna sono contrari al provvedimento perché secondo loro penalizzerebbe tutti quei cittadini onesti che  pagano regolarmente le sanzioni e inoltre questo genere di misure  alimenterebbe la sfiducia dei cittadini verso la politica. Il comune di Bologna probabilmente non applicherà la norma.

Leggi tutto