Sardegna, dietro i roghi "una follia criminale"

1' di lettura

Spenti molti incendi ma l'emergenza non è ancora finita. Nelle campagne devastate dal fuoco sono stati trovati decine di inneschi, il presidente della Regione Cappellacci conferma la pista dolosa e lancia l'allarme: "Danni ingentissimi"

Il peggio sembra pasato ma l'emergenza incendi in Sardegna non è ancora finita. Nella notte il lavoro frentico dei Vigili del Fuoco e della Forestale ha permesso di spegnere molti roghi, ma nel Sassarese e nell'Oristanese si lotta ancora per domare gli ultimi focolai. Molti gli incendi risultati di natura dolosa, nelle campagne sono stati trovati infatti decine di inneschi. La magistratura ha aperto un'inchiesta, intanto il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, accusa: "Dietro i roghi c'è una follia criminale. E' una tregedia immane, per le vite umane perse e per i danni ingentissimi".

Leggi anche:
Sardegna, migliora la situazione. Danni per 80 milioni

Leggi tutto