Marittimo morto a Palermo, sciopero dei portuali

1' di lettura

Dopo l'ennesimo grave incidente sul lavoro costato la vita a un operaio 43enne, i lavoratori dei porti siciliani incrocerano le braccia per ventiquattro ore

Incroceranno le braccia per ventiquattro ore i lavoratori portuali della Sicilia, bloccando così tutte le operazioni di carico e scarico di merci, dopo l'ennesimo grave incidente sul lavoro accaduto al porto di Palermo dove un lavoratore marittimo, Francesco Vitiello, di 43 anni, originario di Ponza, è morto questa mattina durante le fasi di carico e scarico merci da una nave, restando schiacciato da un mezzo meccanico. Sull'incidente indaga la polizia, che sta cercando di ricostruirne l'esatta dinamica. Aperte due inchieste.

Leggi tutto
Prossimo articolo