Strage via D'Amelio, un anniversario polemico

1' di lettura

Palermo ha ricordato il giudice Paolo Borsellino e gli agenti di scorta morti nell'attentato di 17 anni fa. Una cerimonia segnata dall'assenza delle istituzioni, che si sono fatte vive solo con messaggi alla moglie del giudice ucciso

Palermo ha ricordato il giudice Paolo Borsellino e gli agenti di scorta morti nell'attentato di via D'Amelio 17 anni fa. Un anniversario particolare - senza la presenza delle autorità - che coincide con l'apertura di una nuova inchiesta sui presunti mandanti occulti delle stragi. Il boss Riina dal carcere: "Borsellino non morì per volontà della mafia ma per commissione di uomini dello Stato, i servizi segreti". Sergio Lari, procuratore di Caltanissetta: "Messaggio allarmante ma è chiaro se Riina vuole fare luce su questa vicenda noi siamo pronti ad ascoltarlo".

Guarda anche:

Rita Borsellino: la memoria non si onora coi fiori

I messaggi delle istituzioni alla moglie del giudice ucciso

Palermo ricorda Borsellino

Le dichiarazioni del boss Totò Riina

Diciassette anni dopo si riapre l'inchiesta su via D'Amelio

Facebook: le idee di Borsellino camminano sulle nostre gambe

 

 

Leggi tutto