"La strage in cui morì Borsellino non è di mano mafiosa"

1' di lettura

"Il mio assistito vuole che emerga la verità". Così l'avvocato di Totò Riina, Luca Cianferoni, spiega ai microfoni di SKY TG24 le dichiarazioni fatte dal boss sulle stragi del 92: "Dietro via D'Amelio non c'è solo la mafia"

"Borsellino L'hanno ammazzato loro, lo può dire tranquillamente a tutti, anche ai giornalisti. Io sono stanco di fare il parafulmine d'Italia". L'avvocato Luca Cianferoni riporta le parole del suo assistito, Totò Riina, in merito all'attentato di Via D'Amelio. Una affermazione clamorosa quella del padrino di Corleone, spinto a consegnare al difensore la "sua verità", dopo il clamore suscitato dalle notizie sulle nuove ipotesi investigative in merito alla strage del '92, in cui morirono il magistrato e la sua scorta.

Leggi anche:
Facebook: le idee di Borsellino camminano sulle nostre gambe

Leggi tutto