Influenza A, picco a settembre. Dubbi su inizio delle scuole

1' di lettura

Nessun ritardo nella riapertura degli istituti. Il governo smentisce l'ipotesi del viceministro alla Salute Fazio, in caso di ampia diffusione del virus. Intanto altri 19 studenti italiani, probabilmente, sono stati contagiati in Inghilterra

Cresce l'attenzione sulla nuova influenza. E cresce la preoccupazione da parte del governo che prima dichiara e poi, nel giro di pochi minuti, smentisce. Nessun rinvio dell'apertura delle scuole in caso di ampia diffusione del virus H1N1, come invece ipotizzato dal viceministro alla salute Ferruccio Fazio. Cautela da parte del ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini: "il governo sta valutando con scrupolo ogni scenario, pronto a tutte le verifiche necessarie, senza sottovalutare alcun aspetto".

Leggi tutto
Prossimo articolo