Stupri Roma. Luca Bianchini resta in carcere

1' di lettura

Il gip Riccardo Amoroso ha convalidato il fermo dell'uomo ritenuto lo stupratore seriale accusato di tre violenze sessuali avvenute nella Capitale negli ultimi mesi. Nei suoi confronti è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare

Luca Bianchini: gli oggetti sequestrati nella sua abitazione. La fotogallery

Resta in carcere Luca Bianchini , il presunto stupratore seriale di Roma accusato di tre violenze sessuali avvenute in garage condominiali. Il gip Roberto Amorosi ha convalidato il fermo emettendo contestualmente l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.
L'interrogatorio di garanzia si è svolto al Regina Coeli alla presenza anche del pm Antonella Nespola e dell'avvocato di Bianchini, Giorgio Olmi.

Luca Bianchini accusato di essere lo stupratore seriale di Roma "è certo di essere vittima di un errore giudiziario". E' quanto ha riferito il difensore di Bianchi, l'avvocato Giorgio Olmi all'uscita dal carcere.
"L'ho trovato più sereno dell'altro giorno - ha detto l'avv. Olmi - lui ha risposto a tutte le domande cercando di giustificare anche se alcune date non le ricorda bene. E' sempre più convinto della sua totale innocenza , è convinto di potercela fare. Lui stesso ha insistito con il Gip di ripetere l'esame del Dna con la presenza di un perito di parte". Il legale di Bianchini ha inoltre riferito di non voler chiedere per il momento il rito immediato mentre richiederà la ripetizione dell'esame del Dna. "Al momento non chiederemo la perizia psichiatrica - ha detto ancora l'avv. Olmi - questa questione la valuteremo solo in seguito ai risultati del nuovo esame del Dna".

Intanto, la polizia di Roma ha mostrato gli oggetti rinvenuti a casa del presunto stupratore . Si tratta di bamboline di cera rossa alle quali erano stati applicati aghi e chiodi; piccole bottiglie di vetro contenenti pozioni per ottenere amore e salute; guide per compiere riti esoterici. E ancora: dvd pornografici aventi per oggetto violenze sessuali dai titoli eloquenti come "Stupri gallery" o "realmente stuprate".
Tra gli oggetti ritrovati nel mobile, figurano anche fascette di plastica nera, simili a quelle utilizzate per immobilizzare le vittime, ed un braccialetto forse appartenente ad una delle vittime. Infine, dei fogli dattiloscritti in cui venivano riportati due riti definiti di "Halloween" e "Rito con scudo per ottenere l'amore" che sarebbero stati consegnati a Luca Bianchini da un mago.

Nei giorni scorsi, inoltre, la Questura ha diffuso alcune immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza di un garage sotterraneo della Capitale. Il video documenta il tentativo di violenza del presunto stupratore. GUARDA IL VIDEO




Roma: fermato il presunto stupratore seriale. Le foto

Stupratore arrestato a Roma, voci di un quartiere incredulo


Luca Bianchini: Ho paura

Leggi tutto
Prossimo articolo