Delitto Meredith, Amanda Knox contro la polizia

1' di lettura

CONTROINTERROGATORIO - terza parte - La studentessa americana: "Volevano un nome e dicevano che io sapevo ma non volevo parlare"

Clima di tensione in aula al processo per l'omicidio di Meredith Kercher, con un'Amanda Knox molto nervosa. La giovane è stata incalzata dal pm Giuliano Mignini, che le ha chiesto di chiarire con precisione da chi e quando fossero arrivati i suggerimenti ai quali ha fatto riferimento venerdì. "Loro volevano un nome e dicevano che io sapevo ma non volevo parlare. Non mi hanno detto che era stato lui (Patrick Lumumba, ndr), ma dicevano che sapevano che lo avevo incontrato", ha detto Amanda.




IL VIDEO INTEGRALE DELL'INTERROGATORIO

Il controinterrogatorio - prima parte. Amanda: Sì quella notte ho fumato uno spinello 

Il controinterrogatorio - seconda parte. In aula il clima è teso

Il controinterrogatorio - quarta parte. Amanda ricostruisce il ritorno nella casa di via della Pergola

Leggi tutto