Palermo, in manette l'erede del boss Giuffrè

1' di lettura

Giorgio Liberto, 72 anni, è stato arrestato dagli uomini della squadra mobile con l'accusa di associazione mafiosa. A fare il suo nome anche il pentito Giovanni Brusca

Aveva preso il posto lasciato vacante dal boss Nino Giuffrè. Era ritenuto il nuovo capo del mandamento mafioso di Caccamo paese a pochi chilometri da Palermo. Adesso Giorgio Liberto, 72 anni, è stato arrestato dagli uomini della squadra mobile di Palermo con l'accusa di associazione mafiosa. A parlare di lui e definirlo come nuovo capo della famiglia mafiosa sono stati diversi pentiti. Tra loro lo stesso Giuffrè e Giovanni Brusca. Il boss è stato arrestato assieme a due fiancheggiatori.

Leggi tutto
Prossimo articolo