Morte Marcelletti, ipotesi istigazione al suicidio

1' di lettura

Continuano le indagini della Procura di Roma sul decesso del cardiochirurgo scomparso il 6 maggio nell'ospedale San Carlo di Nancy, nella Capitale

Istigazione al suicidio. Questa è l'ipotesi di reato formulata dalla Procura di Roma che sta indagando sulla morte del cardiochirurgo Carlo Marcelletti, scomparso il 6 maggio nell'ospedale San Carlo di Nancy nella Capitale. L'ipotesi di istigazione al suicidio ha consentito agli inquirenti di effettuare una serie di indagini, compresa l'autopsia. Secondo quanto accertato, prima del decesso Marcelletti aveva assunto una dose letale di Digitale, un farmaco che serve a stabilizzare il ritmo cardiaco.

Leggi tutto
Prossimo articolo