Palermo, maxi sequestro di armi e dollari falsi

1' di lettura

Oltre 10 milioni di biglietti verdi, tutti rigorosamente falsi, ma anche armi e munizioni sono stati scoperti nell'arsenale del boss suicida Gaetano Lo Presti. Secondo gli investigatori servivano a dare il via ad una nuova guerra di mafia

Oltre dieci milioni di dollari, tutti rigorosamente falsi, ma anche armi e munizioni. Così i boss di Cosa Nostra, a Palermo, si stavano preparando a una nuova guerra di mafia. Sono stati i Carabinieri del Reparto operativo di Palermo a ritrovare e recuperare le mazzette di denaro falso, tre fucili, di cui due a canne mozze e uno a pompa, una pistola a tamburo calibro 357 magnum, migliaia di munizioni e persino una divisa da carabiniere. L'arsenale era di proprietà di Gaetano Lo Presti, presunto boss mafioso che di recente si è suicidato in carcere un giorno dopo l'arresto.

Leggi tutto