Immigrati, la Chiesa accusa: violati i diritti umani

1' di lettura

Dura condanna del Vaticano dopo la decisione di Palazzo Chigi di rimpatriare in Libia oltre 200 migranti: "I possibili richiedenti asilo non vanno respinti". Dalla Cei critiche al ddl sulla sicurezza

Scende in campo la Chiesa sul tema dell'immigrazione e lo fa con un duro attacco al governo. Il Vaticano condanna il pugno di ferro voluto dal ministro Maroni e inaugurato con il respingimento il Libia del barcone con oltre 200 e parla di violazione delle "norme internazionali sui diritti dei rifugiati". La Cei punta il dito contro il ddl sicurezza, che mette in discussione il riconoscimento dei diritti fondamentali dell'uomo come quelli alla salute e all'istruzione. Intanto non si spegne la polemica sulla proposta del leghista Salvini di riservare ai milanesi i posti nella metropolitana.

Leggi tutto
Prossimo articolo