Abruzzo, "Per ogni palazzo caduto un processo"

1' di lettura

Avanza l'inchiesta per accertare le responsabilità dei crolli nelle zone terremotate, con il procuratore Rossini che esclude l'ipotesi di un maxiprocesso. Intanto la terra continua a tremare e nelle tendopoli è emergenza maltempo

"La madre di tutte le inchieste", come l'ha definita la procura dell'Aquila, non porterà a un maxiprocesso. Anzi, il procuratore capo dell'Aquila, Alfredo Rossini, ha precisato che ogni crollo avrà un suo procedimento. "Per ogni palazzo caduto faremo un processo separato - ha spiegato - così si procederà in maniera più agevole". ossini ha poi assicurato che il lavoro della procura "procede bene". Intanto in Abruzzo la terra coninua a tremare, mentre pioggia a freddo rendono difficile la vita degli sfollati nelle tendopoli.

Partecipa alla gara di solidarietà SKY per l'Abruzzo

Guarda tutte le immagini della vita dopo il terremoto
Leggi tutti gli aggiornamenti dall'Abruzzo

Leggi tutto
Prossimo articolo