Via Poma, chiusa inchiesta. Alla sbarra ex fidanzato

1' di lettura

L'ex fidanzato di Simonetta Cesaroni, uccisa con 29 coltellate 19 anni fa, rischia il processo. La Procura di Roma ha chiuso l'inchiesta. L'ipotesi di reato a carico di Raniero Busco è omicidio volontario

Il suo alibi non regge. L'unico indagato nell'inchiesta sul delitto del 7 agosto 1990 a Roma, Raniero Busco, ex fidanzato di Simonetta Cesaroni, rischia il processo per omicidio volontario. La Procura di Roma chiude l'indagine sull'assassinio e deposita gli atti con i risultati delle perizie. L'ultima quella che ha stabilito che il morso trovato sul seno sinistro della vittima è compatibile con l'arcata dentale di Busco. La famiglia Cesaroni si dice soddisfatta dell'impegno giudiziario portato avanti per 19 anni.

Leggi tutto