Vento e pioggia sugli sfollati, 294 i morti in Abruzzo

1' di lettura

Dopo una Pasqua tranquilla dal punto di vista meteorologico, il maltempo aumenta l'emergenza nelle tendopoli a L'Aquila e nel suo circondario: necessario, per la Protezione Civile, accelerare le operazioni di completamento delle strutture

Ad una settimana dal terremoto che ha colpito l'Abruzzo, le condizioni degli sfollati sono rese più gravi dal maltempo che ha colpito la regione e l'Aquila. Forti venti e rovesci interessano la zona. Protezione civile e volontari stanno accelerando le operazioni di completamento delle strutture e la distribuzione di coperte e stufe da riscaldamento. Intanto sono oltre 100 gli ingegneri dei Vigili del fuoco che si aggiungeranno in mattinata alle 91 unità già operative sul posto per accelerare le operazioni di controllo della stabilità degli edifici danneggiati dal sisma.

Partecipa alla gara di solidarietà SKY per l'Abruzzo

Guarda tutte le immagini della vita dopo il terremoto
Leggi tutti gli aggiornamenti dall'Abruzzo

Leggi tutto