Sisma Abruzzo, inchiesta evidenzia prime irregolarità

1' di lettura

Dalle verifiche effettuate è emerso che le colonne portanti di alcune strutture erano fabbricate con quantità di ferro inferiore alla normativa, tondini lisci nel cemento e in alcuni casi l'uso di sabbia di mare anziché quella delle cave

Non si è fermato nemmeno a Pasqua il lavoro dei magistrati che indagano per verificare se ci sono state irregolarità nella costruzione degli edifici crollati in Abruzzo per il terremoto. Dalle prime indagini condotte dai periti è emerso che le colonne portanti di alcune strutture erano fabbricate con una quantità di ferro inferiore alla normativa. I rilievi saranno effettuati secondo una lista delle priorità stabilita dal procuratore della Repubblica dell'Aquila, Adriano Rossini: tra questi la casa dello studente, l'ospedale e la Prefettura. Prima gli edifici pubblici, poi gli stabili privati.

Partecipa alla gara di solidarietà SKY per l'Abruzzo

Guarda tutte le immagini della vita dopo il terremoto
Leggi tutti gli aggiornamenti dall'Abruzzo

Leggi tutto
Prossimo articolo