Omicidio Meredith, Lumumba: "L'umiliazione continua"

1' di lettura

Il musicista congolese si è sfogato coi giornalisti prima di entrare all'udienza odierna del processo. Aveva chiesto 516mila euro come risarcimento dell'ingiusta detenzione, ne ha ricevuti solo 8mila

Il musicista congolese Patrick Lumumba, che inizialmente era stato considerato coinvolto nell'omicidio di Meredith Kercher e per questo incarcerato per due settimane, si è sfogato coi giornalisti prima di entrare all'udienza odierna del processo. Aveva chiesto 516mila euro come risarcimento dell'ingiusta detenzione, ne ha ricevuti solo 8mila. "L'umiliazione nei miei confronti continua - ha detto - è stato un pugno su una ferita aperta".

Leggi tutto