Processo Meredith, sotto i riflettori i pc di Sollecito

1' di lettura

Davanti alla Corte d'Assise di Perugia gli esperti della Polizia postale hanno illustrato gli accertamenti sui computer sotto sequestro. Il procedimento è poi stato rinviato a venerdì prossimo

Sono cinque i pc sequestrati sui quali la Polizia postale ha effettuato accertamenti per cercare di capire come Raffaele Sollecito, imputato con Amanda Knox, possa aver passato la serata in cui Meredith fu uccisa. Secondo Giulia Bongiorno, legale di Sollecito, su quattro dei cinque apparecchi "si riscontra un'impossibilità nella lettura dei dati". Nell'udienza ha testimoniato anche Antonella Negri, docente di italiano di Amanda all'università per stranieri di Perugia, che ha definito la ragazza "diligente e partecipativa".

Leggi tutto
Prossimo articolo