Stupro Caffarella, revocati gli arresti per i due romeni

1' di lettura

Il tribunale del riesame di Roma ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare per Alexandru Loyos Isztoika e Karol Racz, che restano però in carcere per altri reati

Il Tribunale del Riesame di Roma ha annullato oggi l'ordinanza di custodia cautelare in
carcere dei due cittadini romeni accusati di aver violentato una 15enne in un parco della Capitale lo scorso 14 febbraio. Lo riferiscono fonti giudiziarie, precisando che però i due per il momento restano in prigione.  Nei giorni scorsi, dalle analisi preliminari, il Dna dei due arrestati era risultato non compatibile con le tracce prelevate dagli investigatori.  Ieri il pubblico ministero Vincenzo Barba aveva però chiesto la conferma dell'arresto dei due, il 36enne Karol Racz e il 20enne Alexandru Isztoika Loyos.  L'accusa ha chiesto il carcere in via principale perché i due sarebbero gli autori materiali della violenza, e in subordine perché avrebbero concorso, quanto meno con appoggio di tipo morale, ad una violenza commessa in gruppo.

La decisione di oggi in realtà non rimetterà in libertà i due. Racz perché è stato arrestato nel frattempo come presunto autore di un altro stupro, avvenuto sempre a Roma, Loyos perché accusato di calunnia e autocalunnia nel caso della Caffarella.

Leggi tutto
Prossimo articolo