Caffarella, legale Racz: "Perizia su impronte lo scagiona"

1' di lettura

L'avvocato La Marca che assiste il romeno accusato dello stupro ha sostenuto davanti al riesame che non ci sono ragioni per trattenere in carcere il suo assistito.

Anche la perizia sulle impronte digitali scagionerebbe Karol Racs. Lo ha sottolineato l'avvocato  Lorenzo La Marca, che assiste il romeno accusato dello stupro della Caffarella, sostenendo davanti al Riesame che "non ci sono ragioni  per trattenere in carcere il suo assistito". Secondo il legale anche  l'ultimo testimone citato dal pubblico ministero nel suo intervento  "deve essere preso in considerazione dal Tribunale con prudenza".  "L'uomo, ha riferito, è passato lì per caso e non ha visto  completamente quanto accaduto".

Parco della Caffarella, il luogo dell'aggressione. Le immagini

Le foto dell'arresto di Loyos e Racz

Tutte le notizie sull'aggressione alla coppia di minorenni

Una lunga sequenza di violenza sulle donne: le storie

Leggi tutto
Prossimo articolo